stampa De | Fr | It | En  






Annunciato come ospite

Come ospite lei può leggere le prime pagine del modulo 1. Dopo la registrazione sarà possibile accedere a tutti i contenuti.
 

Modulo 1: stress individuale

Superare lo stress inevitabile

Quando le sfide non possono essere fronteggiate in nessun modo, lo stress non può essere evitato. In questo caso, né una buona gestione del tempo, né pensieri funzionali, né aspettative convenienti possono essere utili. Di seguito presenteremo, quindi delle tecniche che aiutano a ridurre lo stress acuto e a evitarne le conseguenze negative!  


Strategie positive e negative per superare lo stress

Esiste una moltitudine di possibilità per reagire allo stress. Tra esse ce ne sono di più e meno efficaci.

Mettetevi alla prova: Come supero le situazioni stressanti?
 
 
Fra le strategie favorevoli si contano:
  • calmarsi per mezzo dell’autosuggestione ("Sono tranquillo!", C`è tempo!", ecc.)
  • calmarsi per mezzo del rilassamento e del riposo
  • dare alla situazione un altro senso; rivalutarla; trovare il lato positivo
  • monologhi positivi ("Ce la faccio!", "Sono bravo!")
  • agire, cercare di influenzare la situazione
  • cercare di ottenere aiuto e sostegno dagli altri
  • senso dell'umorismo
Fra le strategie controproducenti, a breve o lungo termine, segnaliamo:
  • rimproverarsi o rimproverare qualcun altro
  • girare intorno al tema, rimuginazione depressiva
  • monologhi negativi ("Non riesco, sono un/a fallito/a!")
  • un forte scoppio di emozioni, sfogarsi su qualcuno  
  • fumare, fare uso di alcool e/o altri sedativi (calmanti)
  • non porsi il problema (non viene risolto)

Risultati della ricerca dicono che le strategie negative sono spesso meno efficaci di quelle positive! Tenete presente che in molti casi vale la pena di agire attivamente, di cercare di cambiare qualcosa e di non continuare a rimuginare inutilmente sulla situazione.

 
Scegliere la giusta strategia

Per affrontare le situazioni stressanti in modo efficace, dobbiamo prima di tutto pensare quale sia il metodo migliore da applicare. A dipendenza delle caratteristiche di una situazione stressante si opterà per una strategia piuttosto che per un’altra.

Per determinare quale strategia convenga attuare, vi saranno utili le domande che seguono:

domanda 1:


Qual' è l’importanza, il significato di questa situazione?

Chiedetevi, se la situazione rappresenta davvero un problema e se vale la pena di pensarci. Bisognerebbe lasciarsi toccare solo da situazioni e problemi di importanza personale.

Se vi sembra di girare attorno al problema senza riuscire a staccarvi, vi serve uno stop mentale. Dite ad alta voce "stop!" ed interrompete il circolo vizioso, le turbine dei pensieri in cui siete caduti. Poi cercate di pensare a qualcos’altro.
 

domanda 2:
La situazione è influenzabile?

Se potete avere un influsso sulla situazione dovete trovare il sistema migliore per cui ciò possa avvenire. Potreste cercare altre informazioni per chiarire meglio la situazione.. Se non siete tranquilli e vi sentite stressati, dovete prima di tutto cercare di calmarvi.. Per fare ciò consultate il link: riposo attivo

Se la situazione non è modificabile, è inutile cercare di cambiarla. In questo caso è l’atteggiamento stesso che dev’essere cambiato. Domandatevi, se non ci siano anche lati positivi. Cercate di guardare la situazione da un altro punto di vista o, se è possibile, evitatela.
 
domanda 3:


Quali probabilità esistono che la situazione migliori da sola?

Se la situazione migliora da sola, potete stare alla finestra e aspettare finché tutto si sarà sistemato. 
 

Nelle situazioni in cui abbiamo spesso scelto una strategia errata, è difficile riuscire ad apportare un giudizio oggettivo. L’abitudine a percepire una situazione in un certo modo, ci porta a valutarla in modo automatico e ad attivare delle reazioni problematiche. In tali situazioni, o immediatamente dopo, provate a intraprendere una valutazione oggettiva. Tramite un’analisi susseguente agli avvenimenti ci possiamo preparare ad affrontare una futura simile situazione. In seguito saremo, quindi, capaci di scegliere una strategia sensata!
 

Esempio 

Se, giocando, nostro figlio urta un vaso di fiori rovesciandone l’acqua, la maggior parte di noi genitori reagisce spontaneamente arrabbiandosi e rimproverando il bambino gridandogli “Guarda, dove corri!", “Ma fai attenzione!”. Ora domandiamoci: "È davvero così grave? Non avremmo semplicemente potuto pulire? In questo modo la situazione si fa meno burrascosa e ci stressiamo meno o addirittura niente affatto. Una reazione opportuna in una simile situazione sarebbe, dunque quella di rimanere calmi, esortare il bambino alla prudenza e fare le pulizie insieme a lui.



Pagine:   indietro  1 2 3 4 5   avanti


© 2007 by Yves Hänggi e Louella Molina, Università di Friborgo (CH). verso l'alto


 

  Login  
 

Email

Password


Creare un account

 
  Lettura di prova  
  Modulo 1

Stress individuale
Prevenzione dello stress
Superare lo stress
 
  Stress famigliare  
  Viviamo troppo stress in famiglia?
Verificatelo con il test!