stampa De | Fr | It | En  






Annunciato come ospite

Come ospite lei può leggere le prime pagine del modulo 1. Dopo la registrazione sarà possibile accedere a tutti i contenuti.
 

Modulo 1: stress individuale

Lo stress e le sue conseguenze negative

Che cos’è lo stress?

Con il termine Stress si intende uno squilibrio fra le sfide, che si presentano ad una persona e le sue capacità di affrontarle. Lo stress indica, che la persona non è momentaneamente in grado di far fronte alle sfide, che le vengono imposte. Queste sfide possono venire dal mondo esterno, ma anche internamente dalla persona stessa.

 Sfide interne ed esterne

Potenziale di superamento dello stress/risorse

 
Un esempio di sfida proveniente dall’esterno potrebbe essere il capo che, tutt’a un tratto, vuole che un certo lavoro venga svolto in tre giorni, mentre si pensava di doverlo fare in due settimane. La pressione e la sfida causate dal dover fare questo lavoro in così poco tempo e la consapevolezza del rischio di non riuscire ad eseguirlo in modo soddisfacente, provocano la ben conosciuta sensazione di stress.

Tuttavia lo stress non viene provocato solo da fattori ambientali. Esso può anche sorgere quando si sopravvalutano le proprie forze e si pone l’asticella troppo in alto. Nello sport, p.es., o in altre attività ci aspettiamo spesso progressi sempre più grandi fino al punto da prefiggerci mete irraggiungibili. Tutto ciò genera pressione e stress. Inoltre, per evitarlo, si smette di allenarsi. Un allenamento alla resistenza alla fatica per ridurre lo stress non dovrebbe consistere nel tentare di percorrere una strada nel minor tempo possibile, ma al contrario nel godere di ogni passo, cercando di distrarsi dal tran-tran giornaliero e recuperando forza e energia nella natura.

Anche i genitori sono sottoposti a sfide interne ed esterne. Prendersi cura dei bambini è un compito difficile e a volte estenuante. Inoltre i genitori sono anche spesso sottoposti a uno stress supplementare, che consiste nel pretendere troppo da se stessi. Queste aspettative eccessive si possono riconoscere nelle seguenti espressioni: "Devo sempre essere presente per i bambini”, "Non devo mostrare segni di debolezza!", "Devo trascorrere più tempo coi bambini!", "Tutto dev’essere perfetto!".

Un fattore supplementare di stress consiste nel riporre nei bambini speranze troppo basse o troppo alte.

Un esempio

Il padre si aspetta, che suo figlio tenga sempre in ordine la camera. Il figlio, invece, è interessato ad altro, che non a pulire e riordinare. Prima delle vacanze il ragazzo si deve preparare per gli esami di licenza e passa molto tempo in biblioteca, oppure vuole vincere una competizione sportiva e perciò si allena molto. Invece di arrabbiarsi e di prendersela con lui per il disordine, il padre potrebbe cercare di comprendere la situazione in cui si trova il figlio e di conseguenza modificare le sue aspettative. Potrebbe per esempio dirsi, che il figlio si sta davvero occupando di faccende più importanti e che la pulizia della camera può aspettare, oppure che in fondo non è lui ma il figlio, che deve vivere e trovare le sue cose nella camera disordinata.  

 
Quali conseguenze può comportare lo stress?

Sotto stress siamo più irritabili e reagiamo in modo nervoso, aggressivo e ostile. Il nostro stress viene così facilmente trasferito ad altre persone. Se un membro della famiglia è stressato, il suo stato ha sovente influsso sugli altri famigliari. Il padre che dopo una stressante giornata lavorativa si arrabbia a causa della camera in disordine del figlio, non da nessun contributo ad una risoluzione sensata del tema di disaccordo. Al contrario è possibile, che una piccolezza si trasformi in un conflitto, che avrebbe tranquillamente potuto essere evitato.

Lo stress può avere effetti negativi sul corpo. Mentre una certa quantità di stress può essere fonte di energia (eustress = stress buono), una quantità maggiore e duratura può provocare diversi disturbi somatici (distress = stress cattivo). Mal di testa, disturbi del sonno o turbe gastriche sono soltanto alcuni esempi. Lo stress nuoce in generale al benessere e può comportare stati depressivi, insoddisfazione, ansie e burnout. In caso di burnout ci si sente all’improvviso incapaci d’eseguire compiti facilissimi, ci si sente stanchi e fiacchi, vengono meno le forze, manca la voglia di lavorare e non se ne vede né il senso né la necessità.

 

Riassumendo

Lo stress influisce a breve e lungo termine in modo negativo sul nostro corpo, sul nostro benessere fisico e sul clima familiare. Per questo è importantissimo imparare a prevenire lo stress o a ridurlo ad un livello ragionevole.


Pagine:   indietro  1 2 3 4 5   avanti


© 2007 by Yves Hänggi e Louella Molina, Università di Friborgo (CH). verso l'alto


 

  Login  
 

Email

Password


Creare un account

 
  Lettura di prova  
  Modulo 1

Stress individuale
Prevenzione dello stress
Superare lo stress
 
  Stress famigliare  
  Viviamo troppo stress in famiglia?
Verificatelo con il test!